Skip to main content

Apple Vision Pro: tra prospettive e first test a una settimana dall’uscita

09 Febbraio 2024
Apple Watch: Più di Un Semplice Orologio

Apple Vision Pro è stato ufficialmente lanciato sul mercato statunitense lo scorso venerdì 2 febbraio. Il visore era atteso con grande trepidazione e la sua uscita ha attirato numerosi fan presso lo store di New York, dove l’emozione era palpabile e persino il CEO di Apple, Tim Cook, ha fatto la sua comparsa.

In soli sette giorni, il web è stato invaso da recensioni e first test: le opinioni sono state molto diverse e, tra perplessità e aspetti entusiasmanti, c’è tanto di cui parlare.

Apple Vision Pro first test

All’interno del Vision Pro: tutte le specifiche tecniche

Partiamo dalla base, dalle componenti del dispositivo.

Si attendeva con grande curiosità lo smontaggio del visore pezzo per pezzo e il verdetto finale ha rispecchiato le aspettative: il Vision Pro è una grande opera di ingegneria, complessa e fragile allo stesso tempo, con componenti di prima qualità, alcune più accessibili di altre, come altoparlanti e batteria.

Il nuovo prodotto Apple è equipaggiato di un chip M2, simile a quello dei MacBook, dotato di CPU a 8 core e GPU a 10 core, accompagnato da una memoria unificata da 16 GB che può estendersi fino a 1 TB di spazio di archiviazione. Per il processing della realtà aumentata è incluso anche un chip R1 dedicato a tutte le videocamere, i microfoni e i sensori che rendono il dispositivo un vero e proprio computer indossabile.

interno del Vision Pro

Difatti, il Vision Pro è stato lanciato sul mercato con il pay-off “spatial computing”, un dispositivo potente come un computer ma progettato per sfruttare appieno tutto lo spazio circostante. Per farlo, il visore è dotato di lenti di alta qualità dietro le quali si trova un display da 23 milioni di pixel, in sostanza uno schermo da 4k per ogni occhio, insieme a padiglioni audio che, permettendo di sentire suoni provenienti da qualsiasi angolazione, offrono un’esperienza sonora notevole.

Sotto le lenti sono presenti telecamere a infrarossi che tracciano i movimenti degli occhi, funzione fondamentale dato che lo sguardo è proprio uno dei due controller del dispositivo. L’altro sono le mani: essenzialmente è il pinch-to-zoom, il movimento che l’azienda di Cupertino introdusse nel 2007 con il primo iPhone, che permette di selezionare le funzioni.

È presente anche un tasto, che è usato però per la configurazione con l’iPhone e il set up generale.

A tal proposito, Apple ha realizzato un breve spot che mostra la navigazione nell’interfaccia. Ve lo lasciamo qui.

Esperienze immersive e applicazioni professionali: tutto il potenziale del Vision Pro

Come si evince dal video, il visore è collegato da un cavo a una batteria esterna, una scelta che ha suscitato qualche perplessità, dato che potrebbe rendere poco piacevole e poco pratico l’uso del dispositivo. Allo stesso tempo però, una volta indossato Vision Pro e immersi in un’altra realtà, quest’aspetto potrebbe essere facilmente dimenticato.

Difatti, attraverso il nuovo prodotto Apple è possibile vivere esperienze completamente nuove, anche difficili da sperimentare nella vita quotidiana, basti pensare alla possibilità di scegliere come schermata di sfondo un altro luogo rispetto a quello in cui si trova (da uno skyline suggestivo, a una spiaggia delle Hawaii, scegliendo persino una foto della superficie della Luna).

Le applicazioni del Vision Pro nell’ambito professionale appaiono altrettanto interessanti. Questo strumento apre scenari innovativi e inaspettati, soprattutto in settori come l’architettura o l’assistenza da remoto, dove i vantaggi e le comodità sono indiscutibili.

Apple Vision Pro esperienze

Segui l’evoluzione con AuraDigital

In soli sette giorni, le discussioni sull’ultima novità in casa Apple sono state numerose. Quello che ci sembra importante sottolineare è che, nonostante i due mini aggiornamenti, il Vision Pro è ancora agli inizi, all’alba della sua vita.

L’interfaccia utente è completa, il flusso tra le funzioni è fluido, l’usabilità è notevole e le prime app sono molto promettenti. Tuttavia, è naturale che alcuni aspetti possano ancora suscitare dubbi, considerando la portata innovativa dello strumento.

Noi di AuraDigital non possiamo fare altro che mostrare entusiasmo per il prodotto in sé e attendere con trepidazione le prossime novità: siamo certi che si tratta di un dispositivo che avrà un impatto incredibile sulla nostra vita perciò continueremo a restare aggiornati.

Segui l’evoluzione in campo tech con noi.


Follow us

Ultimi Articoli

Apple Intelligence, iOS 18, personalizzazione: ecco le novità presentate al WWDC 24
14/06/2024
La WWDC24 si è appena conclusa e le novità annunciate sono incredibili. Le aspettative sono state pienamente rispettate: il colosso di Cupertino, come aveva già anticipato, si è finalmente lanciato nel campo dell’intelligenza artificiale e durante l’evento ha presentato il frutto della collaborazione con OpenAI: Apple Intelligence. Le funzioni che saranno integrate in iOS 18 […]
La WWDC24 è alle porte: ecco cosa aspettarsi
07/06/2024
La WorldWide Developers Conference è alle porte e il colosso di Cupertino ha divulgato il keynote ufficiale di apertura. Tra voci e indiscrezioni, pare che le novità in pentola siano molte: aggiornamenti dei sistemi operativi e intelligenza artificiale su tutto. Cosa vedrà la luce la prossima settimana? Scopriamolo insieme. iOS 18 e IA nel Keynote […]
iPhone diventa Pos anche in Italia con Tap to Pay
31/05/2024
Qualche giorno fa Apple ha annunciato che anche in Italia è finalmente arrivato Tap to Pay, un servizio già lanciato in altri nazioni che aveva permesso a milioni di esercenti di accettare pagamenti con carta tramite iPhone e che ha rivoluzionato l’esperienza di acquisto in tante attività commerciali. La Vice Presidente di Apple Pay, Jennifer […]

Soluzioni innovative e rapide.

Un modello interamente votato all’efficienza e al servizio del cliente, in grado di garantire soluzioni innovative e rapide.

Formazione

Organizziamo corsi di formazione sui principali applicativi Apple

Contratto di noleggio

Non ti chiediamo di acquistare o di gestire le tecnologia di cui hai bisogno

Soluzione mobile e smart

Il lavoro in movimento è una parte fondamentale dei processi aziendali